Uovo: alla coque, bazzotto o sodo?

Spesso le cose più gustose sono le più semplici. E se fossero anche veloci? Le uova sono un ingrediente estremamente versatile in cucina, ed esistono molteplici modi per cucinarle. Oggi ci focalizzeremo su tre di questi: l’uovo alla coque, l’uovo bazzotto e l’uovo sodo. La preparazione è veramente semplice e l’unica differenza consta nella quantità di tempo che il nostro uovo passerà nell’acqua bollente.

Il tuorlo (la parte gialla) è fonte di vitamine e minerali, contiene la totalità dei grassi e del colesterolo dell’intero uovo, e circa la metà delle proteine. Il tuorlo è la seconda fonte alimentare di vitamina D, dopo il pesce.

L’albume contiene una quantità di acqua pari a circa il 90 % del suo peso; il resto è composto di proteine, sali minerali (magnesio, sodio e potassio), vitamine del gruppo B, e glucosio libero. A differenza del tuorlo, non contiene lipidi.

Una paio di dritte sulla cottura:

Procedimento

  1. Mettete delicatamente le uova nel pentolino e portate l’acqua a bollore;
  2. Mentre l’acqua si scalda, salatela con mezzo cucchiaino per uovo: la scorza porosa permetterà al sale di essere assorbito durante la cottura;
  3. A volte, potrebbe succedere che, a causa della differenza di temperatura, la scorsa si rompa. Per prevenirlo, potreste fare un piccolo foro (sul lato più ampio dell’uovo) permettendo così all’aria di uscire. Esiste un piccolo strumento, dal costo modico, che permette di farlo senza fatica!
  4. Appena l’acqua bolle, prendete il tempo: dopo 3 minuti è pronto l’uovo alla coque, dopo 6 minuti invece l’uovo sarà sodo. Un tempo intermedio vi regalerà l’uovo bazzotto!
  5. In tutti i casi, riponete il pentolino con l’acqua bollente sul lavello e riempitelo con acqua fredda. Fate così raffreddare le uova per qualche minuto, sarà più semplice sbucciarle e (nel caso dell’uovo alla coque) bloccherà la cottura;
  6. Per mangiare le uova, soprattuto se alla coque o bazzotte, potreste appoggiarle su un portauovo, comodo ed igienico. Aiutatevi con un cucchiaino da te per rompere la scorza e mangiarne il contenuto.

Nota. Se doveste lasciare le uova in cottura per troppo tempo, ve ne accorgerete subito non appena sbucciate: il colore del tuorlo tenderà al verde anziché al giallo. Non mangiatele! quella colorazione è data dal solfuro ferroso che si è generato durante la cottura troppo lunga e non è salutare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.